Quantcast

ConsulenTia 2022/ Le interviste

David, Candriam: “L'analisi tradizionale e quella extrafinanziaria devono essere integrate”

“Cerchiamo di individuare come e quanto il business model delle società in cui investiamo, in termini di beni e di servizi, sia compatibile con le sfide della sostenibilità”.

Durante le sessioni di ConsulenTia 2022 grande spazio è stato dato al tema della transizione energetica. Ma quanto l’applicazione dei criteri di sostenibilità può contribuire a incrementare la capacità di valutare correttamente le prospettive di un investimento? Molto, secondo Matthieu David, head of italian branch di Candriam intervistato da Riccardo Venturi di Investire.

“L’applicazione dei criteri di sostenibilità permette di avere una visione profonda sull’operato delle aziende e di fare delle scelte oculate in termini di opportunità di investimento. Abbiamo individuato diversi megatrend tra cui l’innovazione tecnologica, il clima e l’ambiente, il  tema demografico della crescita e dell’invecchiamento della popolazione mondiale. In particolare stiamo cercando di cogliere gli spunti emersi in ambito sanitario. Dopo la pandemia abbiamo riscontrato una maggiore sensibilità su questo tema. Qualche anno fa inoltre avevamo già lanciato un fondo sulla ricerca oncologica, uno sulle biotecnologie e sulle tendenze demografiche. Nell’analisi che facciamo delle società cerchiamo di individuare come e quanto il loro business model, in termini di beni e di servizi, sia compatibile con le sfide della sostenibilità. Andiamo a osservare quanto sono in grado di confrontarsi correttamente con  i cambiamenti climatici e tecnologici in termini di digitalizzazione. La chiave di scelte ben fatte nell’ambito di portafogli di investimento è infatti sempre il frutto di analisi tradizionali ed extrafinanziarie che comprendono anche criteri di sostenibilità”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400

I più letti

Articolo successivo