Quantcast

Scenari/ IG Italia

Trimestrali Usa: Netflix in caduta libera, crollo del 35 per cento

Molto deludenti anche le prospettive per il secondo trimestre con un possibile calo di 2 milioni di abbonati. Era prevedibile tale caduta? Chi prenderà il trono lasciato dal colosso delle serie TV? Le risposte di Filippo A. Diodovich di IG Italia

Pay-tv, il 70% degli italiani ha almeno un abbonamento attivo

Netflix ha evidenziato per la prima volta dal 2011 una perdita di abbonati (-200 mila) rispetto alle proprie attese di una crescita di 2,5 milioni di net subscribers nel primo trimestre 2022. Molto deludenti anche le prospettive per il secondo trimestre con un possibile calo di 2 milioni di abbonati e un forte rallentamento del fatturato. Era prevedibile tale caduta? Chi prenderà il trono lasciato dal colosso delle serie tv?  Le risposte di Filippo A. Diodovich, Market Strategist di IG Italia.

Era prevedibile tale caduta?

Le dimensioni del sell-off di oggi erano di difficile previsione ma come avevamo visto negli scorsi mesi Netflix soffriva una concorrenza sempre più agguerrita di tanti competitor interessati a guadagnare quote in un mercato particolarmente redditizio. Il rallentamento dei ricavi e della crescita di nuovi utenti erano stati i primi segnali di un trend negativo partito da novembre 2021.

Chi prenderà il trono di Netflix?

Nonostante il crollo odierno il trono dello streaming dovrebbe rimanere ancora in possesso del colosso californiano di Los Gatos. E’ vero che i competitors sono sempre più agguerriti soprattutto Disney+ e Apple Tv che hanno deciso di puntare sulla qualità dei propri prodotti e Amazon Prime Video che si è focalizzata sulla quantità dei propri contenuti nella propria offerta.

E’ la morte anche dei Faang?

Il termine Faang è stato utilizzato sempre meno spesso dopo il passaggio di Google in Alphabet e Facebook in Meta Platforms. I Faang rappresentavano le società tecnologiche ad elevata capitalizzazione ed elevata crescita. Ora Netflix sembra essere uscita da questo ristretto gruppo.

Chi saranno i prossimi Faang?

Un nome è molto facile vista la crescita e l’enorme capitalizzazione ovvero Tesla di Elon Musk. Ma anche i gruppi di semiconduttori come Intel, Nvidia e Amd. Molti addetti ai lavori hanno fatto il nome di Spotify e Virgin Galactic come possibili alternative. E forse anche Twitter se dovesse avere successo l’offerta ostile lanciata da Elon Musk sulla piattaforma social.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400

I più letti

Articolo successivo