Quantcast

Immobiliare

Lo smart working non frena Covivio

I risultati del primo trimestre confermano una forte crescita e un tasso di occupazione degli immobili a uso ufficio pari al 92,4 per cento

Immobiliare, investitori istituzionali a caccia di uffici

Con un patrimonio di 26,7 mld di euro ( di cui 17,7 mld di euro di pertinenza del gruppo) di asset in Europa, Covivio ha chiuso il primo trimestre con una crescita dei ricavi a fine marzo 2022 pari al 7% a perimetro costante.

I ricavi a fine marzo ammontano a 217 mln di euro, di cui 148 mln di euro di pertinenza del gruppo. I canoni degli immobili a uso ufficio segnano una contrazione per effetto delle cessioni del 2021, ma aumentano del 2,9%  (a perimetro costante). Il tasso di occupazione in Francia sale di 0,4 pt, al 93,6%. In Italia, il tasso di occupazione continua a migliorare, sfiorando il 97%. In Germania, si registra un leggero miglioramento del trend (+0,3 pt, a 79,1%).

L’attività nel residenziale tedesco è vivace, con una crescita dei ricavi del 2,9% a perimetro costante e un tasso di occupazione sempre al 99%. I canoni beneficiano anche delle acquisizioni dell’anno scorso.

Dopo la buona dinamica iniziata nella seconda parte del 2021, e malgrado la parentesi della variante Omicron, l’attività alberghiera segna un forte incremento nel 1° trimestre 2022, con un aumento del 51% a perimetro costante. I canoni variabili (principalmente immobili a uso alberghiero AccorInvest) beneficiano dell'ottima performance della Francia e segnano un aumento del 160%. Migliora in modo molto marcato anche l’Ebitda degli immobili a uso alberghiero con contratto di management (essenzialmente in Francia e Germania) (+69% rispetto a T1 2021). Infine, i canoni fissi segnano un aumento dell'8% con la rilocazione di un hotel a Madrid (canone aumentato del +50% rispetto a quello precedente).

Portafoglio di immobili diversificato

Il 41% in valore del portafoglio di immobili è localizzato in Germania, il 38% in Francia e il 16% in Italia.

Covivio ha costruito il suo sviluppo sulla diversificazione delle attività:

-il 57% del patrimonio è composto da immobili a uso ufficio in Francia, Italia e Germania, principalmente in posizioni centrali nelle città di Parigi, Milano e nelle principali città tedesche;

- gli immobili ad uso residenziale in Germania rappresentano il 28% del patrimonio. Sono situati nel centro delle città di Berlino, Dresda, Lipsia, Amburgo e delle grandi città della regione Renania Settentrionale-Vestfalia;

- gli immobili a uso alberghiero (15% del portafoglio), situati nelle maggiori città turistiche europee (Parigi, Berlino, Roma, Madrid, Barcellona, Londra, ecc.), sono locati o gestiti direttamente da operatori leader: AccorInvest, IHG, B&B, NH Hotels, ecc.

Attività di locazione sostenuta

Il mercato delle locazioni ha proseguito la ripresa iniziata nel secondo semestre 2021.

Nell'Île-de-France, il take up ammonta2 quindi a 504.000 mq nel 1° trimestre 2022, in aumento del +40% su base annua, avvicinandosi ai livelli del 2019 (-6%). Con il 40% del take up concentrato sui nuovi asset, si conferma la polarizzazione del mercato a favore degli immobili di qualità e ben posizionati. L'offerta disponibile e il tasso di vacancy si stabilizzano (7,4% di sfitto). I canoni sono invece in linea con i valori della fine dell'anno scorso.

Nelle grandi città tedesche, il take up si attesta a 769.000 mq, in aumento del 20% su base annua, con un'ottima performance a Monaco (+83%) e Francoforte (+51%).

A Milano anche il 1° trimestre è stato molto attivo, con 106.000 mq di take up, in aumento del +30% rispetto al 2021. Questa dinamica trae vantaggio dagli asset di classe A, che rappresentano l'85% del take up.

Nel corso del 1° trimestre, Covivio ha locato o prelocato 36.100 mq di immobili a uso ufficio, principalmente in Francia e a tenant rinomati per una durata media fissa di 9 anni. A ciò si aggiungono 5.000 mq di nuovi accordi che dovrebbero essere chiusi nelle prossime settimane.

La dinamica positiva delle locazioni si riscontra anche nel successo dell'offerta di immobili a uso ufficio gestiti da Wellio, il cui ultimo sito, nel Cbd di Milano, ha aperto le porte a inizio aprile con un tasso di occupazione superiore al 90%.

Accordi di vendita

Dall’inizio dell’anno, Covivio ha siglato nuovi accordi di vendita per 264 mln di euro, di cui 183 mln di euro quota di pertinenza del gruppo, con un margine medio del 2,3% rispetto all'ultimo valore di perizia. Queste cessioni hanno riguardato principalmente l'immobile direzionale manage to core di Via dell'Innovazione a Milano, oltre che la prosecuzione della razionalizzazione del portafoglio Telecom Italia, in Italia.

In Germania, Covivio ha ceduto alcuni immobili residenziali unitari, con un margine del 35% rispetto all'ultimo valore di perizia. Il prezzo medio della cessione di immobili residenziali vacanti ammonta a 4.825 euro al mq.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400

I più letti

Articolo successivo