Quantcast

Salone del Risparmio 2022

Vescovo, Nuveen: “Gli obiettivi di Glasgow non sono lontani”

“La transizione energetica è la risposta alla crisi perché il costo delle energie rinnovabili è legato alla sola installazione e non è imposto da terzi"

L'Italia è tra i Paesi con le migliori performance in termini di sfruttamento delle energie rinnovabili, avendo raggiunto in anticipo, sin dall'anno 2014, gli obiettivi europei al 2020.  L'attuale target italiano per il 2030 è pari al 30% dei consumi finali, rispetto al 20% del 2020. Ma con la crisi in atto sorge il dubbio: ce la faremo a raggiungere gli obiettivi di Glasgow?  A rispondere a questa domanda posta da Sergio Luciano, direttore responsabile di Economy e Investire e Claudio Vescovo, managing director Nuveen.

“Con il conflitto in Ucraina non c’è stato solo un effetto sui volumi, ma anche sui prezzi che a sua volta ha danneggiato le imprese. La transizione energetica è la risposta perché il costo delle energie rinnovabili è legato alla sola installazione e non è imposto da terzi. Questo vuol dire anche pianificare l’economia su un prezzo che già si conosce. In Italia operiamo da 15 anni e siamo stati tra i primi ad installare parchi eolici e pannelli fotovoltaici. Ce la faremo a conseguire gli obiettivi di Glasgow? Secondo noi sì”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400

I più letti

Articolo successivo