Quantcast

Assoreti

Il conflitto taglia il patrimonio del risparmio gestito

Il calo rispetto al trimestre precedente, che aveva registrato valori record, è di circa 21 miliardi di euro

Assoreti, raccolta record sui sei mesi Molesini: "Stress test Covid superato a pieni voti"

Paolo Molesini, presidente di Assoreti

L’instabilità dei mercati finanziari originata dal conflitto russo-ucraino taglia di quasi il 4% il patrimonio del risparmio gestito. A rivelarlo sono gli ultimi dati diffusi oggi da Assoreti.

Il patrimonio complessivo dei prodotti del risparmio gestito scende a 533,1 miliardi di euro, con una contrazione congiunturale del 3,8%; in calo anche la componente finanziaria del risparmio amministrato (2,3%), ora pari a 107,1 miliardi di euro, mentre aumenta la componente di liquidità (+4,2%) e raggiunge i 128 miliardi.

Il calo rispetto al periodo preconflitto è di circa 21 miliardi di euro. Il gap tuttavia è a sua volta enfatizzato dal dato record dello stock registrato a dicembre 2021: in quella data il patrimonio complessivo dei prodotti di risparmio gestito era pari a 554 miliardi.

A fine marzo la valorizzazione dei prodotti finanziari e dei servizi di investimento distribuiti dagli intermediari associati, tramite l’attività dei propri consulenti finanziari, è pari a 768,2 miliardi di euro, con una flessione del 2,3% rispetto a fine 2021 (quando era pari a 786, 3 miliardi di euro).

Paolo Molesini, presidente dell’associazione, commenta: “Le attuali tensioni geopolitiche e il riflesso che osserviamo sull’intero sistema economico-finanziario hanno inevitabilmente avuto un impatto anche sul patrimonio dei clienti delle reti, ma in misura contenuta grazie alla diversificazione dei portafogli e alle strategie di medio lungo termine raccomandate dai consulenti finanziari. La resilienza alle turbolenze impreviste e contingenti, a cui inevitabilmente e ciclicamente sono soggetti i mercati finanziari, è garantita da un modello che il sistema ha fortificato nel tempo, investendo sempre più nella formazione, specializzazione e nel consolidamento di un rapporto di fiducia con i propri clienti. Un fattore, quest’ultimo, centrale. Non solo per superare questo periodo critico ma anche per guardare alla costruzione di un futuro sostenibile e allineato alle nuove sfide del mercato”.

Risparmio gestito

Il patrimonio degli Oicr, sottoscritti direttamente, è pari a 240,8 miliardi di euro, risultando la componente che maggiormente ha risentito delle tensioni dei mercati finanziari; la flessione congiunturale è del 5,2% e l’incidenza complessiva sul portafoglio totale scende al 31,3%  ( a dicembre era 254 miliardi e l’incidenza complessiva era del 32,3) ).

La valorizzazione complessiva delle gestioni collettive aperte domiciliate all’estero si attesta a 212,5 miliardi di euro (-5,3%), quella dei fondi aperti di diritto italiano a 23,3 miliardi di euro (-6,5%), mentre i fondi chiusi realizzano una crescita del 6,2% raggiungendo una valorizzazione complessiva pari a 4,9 miliardi. Il patrimonio dei prodotti assicurativi e previdenziali scende a 209,7 miliardi di euro (-2,1%), con un’incidenza del 27,3% sul portafoglio complessivo; la contrazione coinvolge le unit linked (-3,9%), mentre la valorizzazione dei prodotti multiramo registra una lieve crescita (+0,6%). Il patrimonio delle gestioni individuali cala a 82,7 miliardi (-3,5%) con un peso in portafoglio pari al 10,8%.

 A fine mese, il contributo complessivo delle reti al patrimonio investito in Oicr aperti, attraverso la distribuzione diretta e indiretta di quote, si attesta a 436,5 miliardi di euro, con un’incidenza del 35,3% sul patrimonio totale investito in fondi (patrimonio gestito pari a 1.236,3 miliardi di euro – dato provvisorio).

Risparmio amministrato

Nell’ambito del risparmio amministrato il peso della componente titoli in portafoglio si mantiene stabile al 13,9%. Cala la valorizzazione dei titoli azionari (-3%) e di debito pubblico (-1,5%) e corporate (-8,1%); in evidenza la crescita dei certificate (+6%) e degli exchange traded product (+4,1%). L’incidenza della liquidità sale temporaneamente al 16,7%.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400

I più letti

Articolo successivo