Quantcast

Scenari/Lombard Odier Investment Managers

Risolvere l'inquinamento da plastica negli oceani: il punto di vista degli investitori

“La portata dell'opportunità di investimento è significativa. Dal 2021 al 2040, il totale degli investimenti in conto capitale necessari per sostenere i cambiamenti del sistema plastica ammonta a 1.200 miliardi di dollari. In ogni settore gli investitori svolgeranno un ruolo fondamentale nel fornire finanziamenti per consentire lo sviluppo dell'innovazione e l'aumento della diffusione“. L’approfondimento a cura di Khangzhen Leow, senior sustainability analyst

Risolvere l'inquinamento da plastica negli oceani: il punto di vista degli investitori

La plastica è un elemento onnipresente nella nostra vita e oggi vengono prodotti più di 400 milioni di tonnellate di plastica all'anno, l'equivalente della massa di due terzi della popolazione mondiale, e continuano a crescere rapidamente. A questa crescita massiccia è mancata la corrispondente infrastruttura di gestione dei rifiuti. Degli 8,5 miliardi di tonnellate di plastica prodotti, il 55% è stato scartato o destinato alla discarica, l'8% è stato incenerito e solo l'1,2% della plastica è stata reinserita in un processo di economia circolare. L’analisi di Khangzhen Leow, senior sustainability analyst.
 


 
“La plastica è un elemento onnipresente nella nostra vita. Basta guardarsi intorno per trovare tutti i tipi di materiali realizzati in plastica, dagli smartphone alle confezioni di frutta e panini. La versatilità, la leggerezza e il basso costo di produzione della plastica sono le caratteristiche che ne hanno determinato la crescita. Oggi vengono prodotti più di 400 milioni di tonnellate di plastica all'anno, l'equivalente della massa di due terzi della popolazione mondiale, e continuano a crescere rapidamente.
 
Eppure, a questa crescita massiccia è mancata la corrispondente infrastruttura di gestione dei rifiuti. Degli 8,5 miliardi di tonnellate di plastica prodotti, il 55% è stato scartato o destinato alla discarica, l'8% è stato incenerito e solo l'1,2% della plastica è stata reinserita in un processo di economia circolare. Gli imballaggi in plastica, in particolare, sono molto problematici. Oltre il 70% di questi imballaggi non viene recuperato perché smaltito in discarica, gestito in modo scorretto o non raccolto. Ciò si traduce in 120 miliardi di dollari persi per l'economia dopo un primo breve utilizzo. Ogni anno almeno 8 milioni di tonnellate di rifiuti di plastica finiscono negli oceani. Se non si interviene, questa cifra triplicherà fino a 29 milioni di tonnellate entro il 2040, l'equivalente di 50 kg di plastica per metro di costa in tutto il mondo. Il Trattato globale sulla plastica siglato a marzo 2022 da 175 Paesi per sviluppare un accordo giuridicamente vincolante entro il 2024 per affrontare l'inquinamento da plastica attraverso misure che affrontino l'intero ciclo di vita della plastica, compresa la produzione, la progettazione e lo smaltimento.

Ogni anno almeno 8 milioni di tonnellate di rifiuti di plastica finiscono negli oceani. Se non si interviene, questa cifra triplicherà fino a 29 milioni di tonnellate entro il 2040, l'equivalente di 50 kg di plastica per metro di costa in tutto il mondo

Le aziende del settore dei beni di largo consumo, della vendita al dettaglio e del fast fashion si sono impegnate a ridurre i rifiuti di plastica, che rappresentano il 20% della domanda e dell'offerta globale di imballaggi in plastica. Più vicino a noi, l'Europa sta dettando il ritmo dei cambiamenti di mercato guidati dalle politiche, con una combinazione di restrizioni ai prodotti monouso, obiettivi elevati di tasso di riciclo per gli imballaggi in plastica (55% entro il 2030) e sanzioni (800 euro per tonnellata di imballaggi in plastica non riciclati), oltre a tasse elevate sulla responsabilità estesa del produttore o sugli imballaggi in plastica vergine (ad esempio 200 sterline per tonnellata nel Regno Unito).
 
La portata dell'opportunità di investimento è significativa. Dal 2021 al 2040, il totale degli investimenti in conto capitale necessari per sostenere i cambiamenti del sistema plastica ammonta a 1.200 miliardi di dollari. Si tratta di circa 150 miliardi di dollari per le tecnologie di raccolta, riciclo e smaltimento; 236 miliardi di dollari per la capacità di conversione della plastica e 307 miliardi di dollari per la produzione di plastica vergine, che sarà ancora necessaria, ma solo come parte di un più ampio cambiamento sistemico. In ogni settore gli investitori svolgeranno un ruolo fondamentale nel fornire finanziamenti per consentire lo sviluppo dell'innovazione e l'aumento della diffusione.
 
Storicamente, l'offerta di capitali è stata insufficiente, in quanto gli investitori sono stati diffidenti nei confronti delle sfide strutturali e della dipendenza dagli attori del settore pubblico. Recentemente, gli investimenti sono aumentati in Europa e in Nord America, poiché gli investitori hanno visto opportunità di crescita e di creazione di valore nel momento in cui l'industria si sta espandendo per soddisfare una maggiore domanda di plastica riciclata. Gli investitori strategici stanno perseguendo attivamente l'integrazione verticale nel settore del riciclo, collaborando con gestori di rifiuti, produttori di polimeri, produttori di beni di consumo, trasformatori e rivenditori. Gli investitori industriali, di private equity e di infrastrutture hanno rivolto la loro attenzione a questo settore e ora c'è una maggiore capacità di sbloccare fondi significativi per le transazioni europee.
 
Attraverso la strategia “circular plastic”, Lombard Odier ha collaborato con l'Alliance to end plastic waste (Aepw) per contribuire a catalizzare gli investimenti privati nella plastica circolare e ad attirare capitali da fonti che normalmente non si concentrano sulla plastica. L'obiettivo è quello di investire a monte e a valle nella catena del valore della plastica, comprese le tecnologie e le infrastrutture per la raccolta e lo smistamento, le infrastrutture per il riciclaggio basate sulla tecnologia e le soluzioni progettuali che migliorano la durata, il riutilizzo e la riciclabilità della plastica. Vediamo anche un'opportunità nella chimica e nella produzione di plastica innovativa che può rendere più facile o più efficace il trattamento della plastica a fine vita.
 
L'Aepw è all'avanguardia nella mitigazione dell'inquinamento da plastica, guidando molte iniziative di gestione dei rifiuti per le comunità fluviali e costiere al fine di prevenire la dispersione dei rifiuti plastici negli oceani. Il fondo circular plastic rappresenta un'importante opportunità per la catena del valore della plastica e per la più ampia comunità di investitori di unirsi per contribuire a invertire la tendenza dell'inquinamento da plastica negli oceani“.
 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400

I più letti

Articolo successivo