Quantcast

Rumours

Credit Suisse si prepara a tagliare oltre 3mila posti di lavoro

Secondo Reuters sarebbero 5mila. Ma per ora la banca non confermato né smentito le notizie che stanno circolando

Khan lascia Credit Suisse, sostituito con Wehle

Anche la patria delle banche taglia posti di lavoro. Secondo indiscrezioni circolate in questi giorni, Credit Suisse si appresterebbe a tagliare 3.200 posti di lavoro a Zurigo. Il condizionale è d’obbligo dato che per ora l’anticipazioni non vi sarebbero state né conferme, né smentite.

A divulgarle la notizia è Blick online, che si rifà a una fonte anonima costituita da un quadro aziendale ( finora rimasta senza nome) che sarebbe stato informato giovedì.

A sua volta la testata tedesca Handelsblatt parla della soppressione di 4'000 posti, la gran parte proprio nella città elvetica. Secondo il quotidiano però la decisione finale non sarebbe ancora stata presa. Nelle scorse settimane anche Bloomberg aveva parlato di migliaia di posti a rischio.

Come riportato da Rsi News, “contattata dall'agenzia AWP, la banca non ha voluto né confermare né smentire le notizie che stanno circolando. L'istituto ribadisce che renderà noti i dettagli del suo piano di risparmio alla fine di ottobre, in concomitanza con i risultati del terzo trimestre. La dirigenza punta a tagliare i costi annui di una cifra compresa fra un miliardo e un miliardo e mezzo”.

Secondo Reuters, i posti di lavori potenzialmente “ a rischio” potrebbero essere addirittura circa 5.000. Stando a una fonte vicina al dossier, le discussioni sono ancora in corso e il numero dei tagli potrebbe ancora variare.

In ogni caso, purtroppo, il taglio occupazionale sarebbe la diretta conseguenza del cambio di strategia annunciato già a fine luglio, quando era stata presentata l'ennesima perdita miliardaria (1,6 miliardi di franchi nel primo trimestre) e un immediato cambio al vertice: il ceo Thomas Gottstein aveva lasciato la guida a Ulrich Körner.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400

I più letti

Articolo successivo