Quantcast

Scenari/Capital Group

Le supply chain si stanno spostando, non è deglobalizzazione

“Le ridondanze nelle catene di approvvigionamento comporteranno opportunità e sfide. Il reshoring sarà un importante motore di crescita per alcune aziende industriali nei prossimi anni. Molte industrie statunitensi stanno investendo a livelli che non si vedevano da anni. Nel breve termine, i costi finanziari e le potenziali ramificazioni dei cambiamenti della catena di approvvigionamento saranno di grande impatto.” L’approfondimento a cura di Noriko Chen, gestore di portafoglio azionario

Le supply chain si stanno spostando, non è deglobalizzazione

Da un certo punto di vista, la globalizzazione è stata a lungo caratterizzata dalla delocalizzazione della produzione da parte dei Paesi dei mercati sviluppati verso località a basso costo. Ma ora le aziende stanno riconoscendo la necessità di creare ridondanze nelle loro linee di approvvigionamento, con impatti diversi su Paesi, aziende e industrie. L’analisi a cura di Noriko Chen, gestore di portafoglio azionario.

“La fragilità delle catene di approvvigionamento globali, messa in luce durante la pandemia covid-19, rimane una delle principali sfide economiche del mondo. Da un certo punto di vista, la globalizzazione è stata a lungo caratterizzata dalla delocalizzazione della produzione da parte dei Paesi dei mercati sviluppati verso località a basso costo. Ma ora le aziende stanno riconoscendo la necessità di creare ridondanze nelle loro linee di approvvigionamento, con impatti diversi su Paesi, aziende e industrie.
 
Sebbene alcuni abbiano sostenuto che questo potrebbe portare a un mondo meno globalizzato, potrebbe essere l'inizio di un'era di "ri-globalizzazione", in cui le catene di approvvigionamento vengono riorganizzate e un maggior numero di Paesi viene inserito nelle reti commerciali globali. Molte aziende stanno spostando le loro aree di produzione in più centri nel mondo per disperdere i rischi. Ciò non significa necessariamente che questo possa comportare una minore integrazione economica. Consideriamo tsmc, il produttore dominante a livello mondiale di semiconduttori all'avanguardia. Dopo aver concentrato la maggior parte della sua capacità a Taiwan, tsmc sta costruendo il suo primo centro di produzione negli Stati Uniti. Sta inoltre costruendo un nuovo impianto di semiconduttori in Giappone.
 
La diversificazione dalla Cina richiederà tempo. Le multinazionali con una presenza significativa in Cina sono alla ricerca della prossima grande opportunità di raggiungere i consumatori al di fuori del Paese. Apple, che ha probabilmente costruito la catena di fornitura più impressionante di qualsiasi altra multinazionale in Cina, ha spostato una parte della produzione di iPhone in India, che si prevede avrà un miliardo di utenti di smartphone entro il 2026. Ci sono anche aziende cinesi che cercano di stringere legami commerciali più stretti con i loro clienti al di fuori della Cina. Il produttore cinese di batterie per veicoli elettrici catl (contemporary amperex technology co. limited) ha recentemente ricevuto l'autorizzazione a costruire un impianto di celle per batterie in Germania, dove lavora con le principali case automobilistiche tedesche. Per il momento, la Cina rimane una delle principali destinazioni mondiali per i flussi di investimenti diretti esteri, che riflettono le aziende che acquistano, costruiscono o reinvestono in operazioni all'estero. Secondo i dati dell'organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (ocse), nel 2021 la Cina si è classificata al secondo posto dopo gli Stati Uniti, con un flusso di 334 miliardi di dollari.
 
Le multinazionali vedono ancora il valore di attingere alla vasta e qualificata forza lavoro cinese. Ne è un esempio Tesla. La Cina è diventata un hub di produzione chiave per il produttore dominante di veicoli elettrici. Tesla ha aperto la sua gigafactory di Shanghai nel 2019 per contribuire a incrementare la produzione annuale di auto e aumentare la quota di mercato globale vendendo al primo consumatore mondiale di veicoli elettrici. Se c'è un settore che ha risentito delle difficoltà nella catena di approvvigionamento, è stato però quello dell'auto. General Motors, Ford, Stellantis e altre case automobilistiche hanno subito forti tagli alla produzione, con conseguente scarsità di veicoli e un forte aumento dei prezzi delle auto nuove e usate. Ciò sta portando a cambiamenti strutturali all'interno dell'industria automobilistica, che ha dovuto ripensare completamente le proprie catene di approvvigionamento. Uno dei risultati è stato il passaggio dalla ricezione di scorte "just-in-time" alla detenzione di scorte "just-in-case" per quanto riguarda i semiconduttori.
 
La creazione di ridondanze nelle catene di approvvigionamento comporterà opportunità e sfide. Prevedo che il reshoring sarà un importante motore di crescita per alcune aziende industriali selezionate nei prossimi 5-10 anni. Molte industrie statunitensi stanno investendo a livelli che non si vedevano dall'inizio degli anni 2000 per posizionarsi al meglio per soddisfare questa domanda. Nel breve termine, i costi finanziari e le potenziali ramificazioni dei cambiamenti della catena di approvvigionamento saranno di grande impatto, ad esempio:
 
Maggiori livelli di spesa aziendale e costi operativi più elevati. Per le aziende occidentali che riportano la produzione nei loro mercati nazionali o per le aziende asiatiche che espandono la loro presenza in Occidente, i costi saranno più elevati rispetto alla gestione di fabbriche esclusivamente in Cina o in altri Paesi asiatici. È probabile che le aziende debbano pagare per attrezzature di automazione più costose o per salari più alti per i lavoratori.
 
Costi più elevati per i consumatori. L'inflazione negli Stati Uniti sta già raggiungendo i massimi da 40 anni a questa parte, poiché i prezzi più alti si propagano attraverso le catene di approvvigionamento globali. I costi più elevati che le aziende devono sostenere per aumentare le scorte o per delocalizzare la produzione si tradurranno probabilmente in un aumento dei prezzi per i consumatori. Le aziende assorbiranno una parte dei costi, ma non tutti, e questo potrebbe pesare sulla domanda dei consumatori per i loro prodotti.
 
Maggiori esigenze di capitale circolante e pressione sui margini operativi a causa dei costi associati alla creazione di ridondanze e flessibilità nelle catene di approvvigionamento. Questi fattori potrebbero pesare sui margini e sulle valutazioni future delle aziende. I rendimenti più bassi del capitale investito potrebbero essere il risultato di un cambiamento del panorama geopolitico e delle politiche dei tassi delle banche centrali.
Nonostante le preoccupazioni per la scarsità dell'offerta, i timori per la deglobalizzazione e l’atteso spostamento delle catene di fornitura globali, potrebbero emergere nuove opportunità nelle regioni in cui la produzione si sta spostando, così come nelle aree che la produzione sta abbandonando.”
 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400

I più letti

Articolo successivo