martedì, 27 Febbraio 2024

Franklin Templeton mette gli Etf obbligazionari attivi sotto la lente

Secondo Jason Xavier, head of Emea Etf Capital Markets, le difficili condizioni di mercato ne favorirebbero le performance e spiega perché

Le difficili condizioni di mercato favorirebbero le performance degli Etf obbligazionari attivi spingendone la crescita.  A esserne convinto è Jason Xavier, Head of Emea Etf Capital Markets di Franklin Templeton, secondo cui la gestione attiva starebbe per tornare in auge.

“Pensare che gli Etf siano esclusivamente veicoli passivi è sbagliato. Gli Etf evolvono costantemente per rispondere alle nuove esigenze degli investitori, e oggi i gestori patrimoniali mettono a disposizione un’offerta variegata di Etf: passivi, tematici, alternativi ponderati per l’indice (fattoriali) e – certamente – anche attivi. A nostro giudizio, l’arrivo di nuove opportunità  legate alla gestione attiva segnerà sicuramente una crescita significativa degli Etf attivi e in particolare di quelli obbligazionari”. Questa fiducia sugli investimenti obbligazionari attivi offerti dagli Etf deriva da diverse considerazioni che Xavier illustra in questa analisi dello strumento.

Cos’è un Etf attivo?

Gli Etf si sono evoluti. Gli Etf tradizionali mirano a replicare indici ponderati per la capitalizzazione di mercato e, ad esempio, gli Etf tematici (che di recente hanno raccolto grande interesse fra gli investitori) seguono spesso questa metodologia. Gli indici ponderati per la capitalizzazione di mercato adottano un approccio retrospettivo e replicano la performance di titoli od obbligazioni che hanno registrato buone performance in passato, anziché ricercare una potenziale opportunità.

Pertanto, l’Etf passivo tradizionale non implica decisioni attive, bensì adotta un determinato “stile” e uno o più fattori. Generalmente, le strategie ponderate per la capitalizzazione di mercato ricorrono al rapporto fra prezzo e utili, ossia “comprano i vincitori e vendono i perdenti”.

La gestione attiva combina questo e altri stili con l’analisi fondamentale e la piena discrezionalità sull’universo di azioni o obbligazioni nel tentativo di battere un benchmark, anziché limitarsi a replicare un indice. Ciò significa che un gestore attivo può scegliere quali azioni od obbligazioni acquistare, quando acquistarle e in che quantità/a quale prezzo.

Al fine di sovraperformare l’indice del proprio portafoglio, i gestori dei fondi possono reagire attivamente agli eventi di mercato e adeguare le allocazioni in base ai cambiamenti del contesto di mercato. In alcuni casi, hanno persino un certo margine di manovra per investire al di fuori dei confini dell’indice di riferimento.

Quindi, un Etf attivo ricalca un tradizionale fondo comune di investimento a gestione attiva, ma il veicolo Etf opera in borsa con i vantaggi percepiti della struttura Etf.

Gli Etf cambiano la struttura del mercato obbligazionario

Riteniamo che i vantaggi di un Etf siano amplificati se applicati alla classe delle obbligazioni.

Per alcuni investitori, i mercati obbligazionari si caratterizzano storicamente per una certa dose di opacità. Tendenzialmente le compravendite di obbligazioni avvengono over-the-counter (OTC). In altre parole, un acquirente e un venditore concordano bilateralmente un prezzo al di fuori di qualsiasi piazza di scambio, a differenza degli investimenti azionari che vengono negoziati principalmente in borsa. Questa struttura opaca del mercato obbligazionario limita la liquidità naturale e la trasparenza dei prezzi. Al contrario, l’Etf non si limita a dare accesso ad una specifica asset class ma rende anche trasparente il prezzo – ed è l’unico veicolo d’investimento a farlo su base infragiornaliera.

Fino a poco tempo fa, solo gli investitori istituzionali o di grandi dimensioni hanno avuto accesso ai wholesaler obbligazionari. A differenza delle controparti di maggiori dimensioni, alcuni investitori possono aver minor dimestichezza con i principi fondamentali della negoziazione di obbligazioni. Inoltre, potrebbero non avere accesso alle quotazioni fornite da grandi reti di operatori e dunque acquistare ai migliori prezzi disponibili. Tradizionalmente, i fondi comuni rappresentano una scelta popolare per molti gestori patrimoniali, consulenti finanziari indipendenti o investitori retail, alla ricerca di esposizione agli asset obbligazionari.

Democratizzazione del trading

Un fondo comune può bastare a molti investitori, ma altri potrebbero essere alla ricerca di alternative che offrano accesso, ad esempio, a caratteristiche quali ad esempio prezzo e negoziazione intragiornalieri, monitoraggio a valle e analisi del rischio.

L’evoluzione degli Etf, soprattutto nell’universo obbligazionario, può soddisfare alcune di tali esigenze, consentendo agli investitori retail di accedere a un mercato con lo stesso grado di trasparenza/conoscenza dei prezzi di cui si avvalgono le loro controparti istituzionali.

L’importanza della trasparenza dei prezzi

È importante rilevare che i prodotti Etf hanno democratizzato il processo di determinazione del prezzo di un’asset class che era in gran parte negoziata fuori borsa e over-the-counter (OTC). La trasparenza dei prezzi è alla base dell’efficienza e dell’imparzialità di tutti i mercati finanziari.

I mercati trasparenti favoriscono una negoziazione più efficiente ed economica, che si traduce a sua volta in livelli più elevati di partecipazione e fiducia degli investitori.

Un esempio emblematico

Ricordiamoci che gli Etf a reddito fisso hanno evidenziato vantaggi concreti nell’aiutare gli investitori a orientarsi in mercati segnati da una forte volatilità.

Le turbolenze e la volatilità osservate nei mercati globali all’affacciarsi della pandemia di Covid-19 hanno reso sempre più pressante la necessità di utilizzare gli Etf per tutti i vantaggi sopra menzionati, in particolare per beneficiare di liquidità e trasparenza in periodi di maggiore volatilità. Al culmine della volatilità innescata dalla pandemia, alcuni detrattori hanno suggerito che gli Etf, e in particolare gli Etf a reddito fisso, fossero causa di turbolenze nel mercato obbligazionario, e che molti Etf obbligazionari fossero erroneamente negoziati a sconto rispetto al valore patrimoniale netto (Nav) dei rispettivi fondi.

Tuttavia, per comprendere appieno il motivo per cui questa valutazione è errata, è utile fare un passo indietro e analizzare le diverse microstrutture di mercato fra titoli a reddito fisso (obbligazioni) e titoli di capitale (azioni). Come accennato, le negoziazioni nel mercato obbligazionario sono ancora trainate principalmente dal mercato over-the-counter (Otc), nel quale le negoziazioni si svolgono direttamente fra le parti al di fuori dalle borse valori.

In periodi di estrema volatilità, gli Etf obbligazionari (che sono negoziati in borsa) a volte possono essere negoziati con valori diversi dal Nav dell’indice sottostante. Il motivo è che i NAV sono spesso calcolati in base a prezzi differiti, e non a prezzi esercitabili in tempo reale sui quali possono agire i market maker di Etf.

Tuttavia, come abbiamo visto negli anni della pandemia, gli Etf obbligazionari permettono ai clienti di conoscere davvero i prezzi reali applicabili e offrono un pricing trasparente di borsa per un’asset class che tradizionalmente veniva scambiata fuori mercato (Otc). È ormai evidente che molti apprezzano il funzionamento di questi prodotti finanziari.

Consideriamo lo scenario appena citato di un Etf obbligazionario negoziato intraday a sconto rispetto al suo NAV.

Primo, un pricing intraday preciso è rappresentativo della liquidità intragiornaliera offerta dall‘Etf. Anche se in quel periodo sono state registrate percentuali più basse di scambi intraday, la possibilità di negoziare in tempo reale le posizioni obbligazionarie di un fondo dimostra l’utilità dell’Etf come strumento prezioso per la gestione della liquidità.

La seconda componente è la trasparenza. Mentre la trasparenza degli Etf è garantita grazie a informative sui titoli detenuti in portafoglio divulgate su base giornaliera, questo scenario punta anche alla trasparenza dell’esecuzione. Come sottolineato precedentemente, la capacità degli Etf di essere quotati al prezzo di mercato (mark-to-market) intraday e dei market maker di valutare con precisione il paniere sottostante e fornire spread denaro/lettera (acquisto e vendita) precisi in tempo reale offre agli investitori una piena trasparenza in merito al costo di esecuzione, compresi eventuali costi aggiuntivi durante i periodi di volatilità del mercato.

La terza caratteristica è l’efficienza dei costi. Ancora una volta, oltre a mantenere al minimo i coefficienti di spesa totale, l’Etf mira a mantenere bassi i costi a beneficio di investitori di qualsiasi tipo, indipendentemente dal fatto che possano voler indirizzare gli asset a un nuovo investimento in Etf, venderne uno già esistente o mantenere il loro portafoglio attuale. Come abbiamo sottolineato, la capacità di un Etf di stabilire accuratamente il prezzo del paniere sottostante assicura che gli investitori in entrata/in uscita paghino comunque il prezzo giusto per sottoscrivere/liquidare un fondo. Come risultato, gli Etf mantengono i costi indipendenti e completamente trasparenti, facendo sì che gli azionisti esistenti non siano penalizzati dai flussi di nuovi investitori. Inoltre, la trasparenza eseguibile per investitori in entrata/in uscita è protetta costantemente, anche durante periodi di stress dei mercati sottostanti.

Riteniamo che gli Etf attivi, e in particolare quelli obbligazionari, rappresentino un’area in crescita costante per il mercato europeo degli Etf. Ciò apre la strada a nuove opportunità, per questo ci aspettiamo nuovi prodotti e asset sul mercato in futuro. Gli investitori si sono già accorti dei vantaggi legati alla gestione attiva, soprattutto in caso di turbolenza dei mercati”.

 

Condividi articolo:

Iscriviti

Popolari

Gli articoli giorno per giorno

Aprile 2023
LMMGVSD
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930

Altri articoli
Correlati

Pimco: Higher-for-Longer, cosa significano per gli investitori i tassi più alti più a lungo

“Sebbene il quadro dell'inflazione stia migliorando, la Fed sarà...

Egm conquista 145 istituzionali. Sul podio dei gestori Arca, Mediolanum e Kairos

Il 2023 non è stato un anno particolarmente facile...

Alleanza Mediobanca-UBS con fondo che investe in real estate globale

Mediobanca Private banking e UBS Asset management, multi-managers real...