martedì, 27 Febbraio 2024

La lezione del 2022 per il Private Banking: il fattore umano fa sempre la differenza

Il 2022 ha registrato alcune criticità del settore del private banking. Infatti 131,10 è il valore in punti base dell’indice private banking nato dall’Osservatorio Liuc-Università Cattaneo e Banca Generali, partito nel 2016 e pensato per monitorare l’andamento del settore. Tale indicatore, lo scorso anno segnava 133,53 punti; non una grande flessione ma un piccolo rallentamento dovuto alle incertezze e alle difficoltà di operare in un mercato molto volatile, che ha riflessi scenari geopolitici ed economici che direttamente o indirettamente hanno l’attività di private banking.

Crisi energetica, crescita del tasso di inflazione e modifiche nelle attività delle banche centrali, hanno portato il cliente private a modificare le proprie scelte di investimento. L’Osservatorio, avviato da oltre cinque anni per approfondire le principali dinamiche del settore, ha da sempre posto l’accento sull’estrema complessità dell’industria del private banking, caratterizzata da numerose variabili. La ricerca in questi anni si è concentrata nell’individuare possibili aree di influenza in grado di esercitare un impatto sul comparto del private banking.

Tre sono state le componenti rilevanti, a loro volta declinabili in una serie di variabili: l’andamento del settore del private banking nel proprio mercato di riferimento, prendendo in considerazione, ad esempio, le masse gestite, la clientela potenziale e i prodotti offerti; l’evoluzione del contesto socio-economico del nostro Paese considerando, ad esempio, lo stock di ricchezza delle famiglie italiane, l’andamento del Pil, l’evoluzione della concentrazione del reddito e infine l’andamento dei mercati regolamentati domestici, analizzato attraverso l’andamento del principale indice di Borsa. A livello di contesto socio-economico, l’evoluzione del Pil torna a offrire un contributo in termini positivi, a fronte di una buona ripresa, +3,7% rispetto al dato Istat del 2021.

La ricchezza netta delle famiglie italiane invece subisce una contrazione, la propensione al risparmio degli italiani è scesa e contemporaneamente i flussi di risparmio hanno rallentato. Un ulteriore, seppur contenuto, freno al settore giunge dall’analisi dell’Indice di Gini, che misura la concentrazione del reddito e della ricchezza. Nel 2022, l’insieme delle politiche sulle famiglie ha leggermente ridotto la diseguaglianza e mitigato il rischio di povertà.

Nell’industria del private banking, il numero di potenziali clienti, misurato in famiglie private, permane sostanzialmente stabile, pur in leggera decrescita, risultando dunque una variabile limitatamente influente, mentre un discreto impatto sull’andamento dell’indicatore giunge dal numero di servizi offerti dai player attivi sul mercato, sempre più alla ricerca di un vantaggio competitivo derivante dalla differenziazione e dalla completezza della propria offerta.

Se da un lato, il contesto macroeconomico appare, di fatto, ancora in una fase transitoria, pur in presenza di un Pil in rialzo, dall’altro, l’impulso più grande alla crescita giunge per il settore proprio dalle dinamiche ad esso interne, ad ulteriore conferma del grande potenziale che il comparto è ancora in grado di offrire.

Nel corso del 2022, le performance dei mercati regolamentati hanno offerto indicazioni poco positive per l’indice del Private Banking; il principale Indice di Borsa, si è attestato a 23.707 punti rispetto ai 27.346 punti dell’anno precedente. Se vogliamo trarre qualche buona lezione da questi numeri, possiamo dire che l’essenza di questo complesso mestiere arriva sempre da un mix di ingredienti in cui il fattore umano è fondamentale: gli operatori e la loro capacità di offrire prodotti adatti alle esigenze del cliente sono centrali per il mondo private.

Condividi articolo:

Iscriviti

Popolari

Gli articoli giorno per giorno

Settembre 2023
LMMGVSD
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930 

Altri articoli
Correlati

Alleanza Mediobanca-UBS con fondo che investe in real estate globale

Mediobanca Private banking e UBS Asset management, multi-managers real...

Tutto su ConsulenTia24, segui la diretta a partire dalle 15

Ospiti della puntata Luigi Conte, presidente di Anasf e...

T. Rowe Price: Petrolio, ecco come le dinamiche dei prezzi potrebbero impattare sui bond Usa

Dall'analisi a cura di Steve Boothe, head of investment‑grade...