martedì, 27 Febbraio 2024

Immobiliare: plusvalenze fino al 30% in due anni per chi investe a Dubai

Il mercato locale è in fortissima espansione. Dopo cinesi, tedeschi, francesi e inglesi, gli italiani sono oggi nella top five di chi compra di più

 

Comprare casa a Dubai e rivenderla dopo due anni, ottenendo una plusvalenza fino al 30%. È questo il nuovo trend registrato da Gabetti Middle East che nel 2022 ha aperto il proprio ufficio proprio lì diventando il primo gruppo di intermediazione immobiliare italiano operativo negli Emirati Arabi.

Come ben noto, il mercato locale  è in fortissima espansione: dopo cinesi, tedeschi, francesi e inglesi, gli italiani sono oggi nella top five di chi investe di più.

Per questo Gabetti Middle Est, in sinergia con Gabetti Property Solution con le 10 sedi regionali e tramite le varie agenzie immobiliari in Italia, gestisce la compravendita di appartamenti di nuova costruzione realizzati dalla società emiratina Ellington Properties. Le aree più ricercate dagli acquirenti sono la zona turistica di Marina, il centro di Dubai, i quartieri Business Bay, Palm Jumeirah, JVC e Jumeirah Lake Towers. 

Ad attirare gli investitori è la possibilità di  comprare un immobile in costruzione per rivenderlo a un prezzo più alto una volta realizzato, come emerge da un esempio illustrato da spiega Ross Bellantoni, ceo di Gabetti Middle Est. “Un monolocale di circa 43 mq in zona residenziale o turistica, vale circa 200mila euro – -. Parliamo di un appartamento ancora in costruzione, per cui l’acquirente tipo versa una quota complessiva che ammonta al 50% nei primi due anni (il saldo avviene alla consegna dell’immobile). A lavori quasi ultimati, l’appartamento nuovo di zecca, completamente arredato, viene rivenduto con una plusvalenza che arriva anche al 30% di quanto sborsato per averlo. L’acquirente che ha pagato per l’appartamento su carta 100mila euro, pari al 50% del prezzo, infatti, dopo soli 2 anni e poco prima del saldo finale riesce a rivenderlo a 230mila euro, con una plusvalenza, calcolata sul solo esborso dei 100mila euro, pari a 30mila euro (30%)”.

Questo tipo di operazioni rappresenta circa l’80% delle transazioni gestite da Gabetti Middle Est. Il restante 20% riguarda appartamenti che una volta pronti vengono locati con contratti long term (diversamente dalle dinamiche italiane a Dubai hanno una durata massima di 1 anno) e short term, ovvero a uso turistico. Considerando che l’importo per un affitto annuo per il medesimo bilocale ammonta a circa 25.000 euro e un affitto giornaliero a 200 euro al giorno, in questo caso l’acquirente ottiene una rendita stimata tra il 10% e il 20% l’anno, al lordo delle spese di commissione per la gestione dell’immobile.

Condividi articolo:

Iscriviti

Popolari

Gli articoli giorno per giorno

Altri articoli
Correlati

Pimco: Higher-for-Longer, cosa significano per gli investitori i tassi più alti più a lungo

“Sebbene il quadro dell'inflazione stia migliorando, la Fed sarà...

Egm conquista 145 istituzionali. Sul podio dei gestori Arca, Mediolanum e Kairos

Il 2023 non è stato un anno particolarmente facile...

Alleanza Mediobanca-UBS con fondo che investe in real estate globale

Mediobanca Private banking e UBS Asset management, multi-managers real...