btp

Generali: "Per il momento lo spread italiano non ci preoccupa"

Per il ceo del gruppo, Philippe Donnet, è ancora presto per vedere le conseguenze delle affermazioni della governatrice della Bce, Christine Lagarde. "Il nostro portafoglio di Btp è stabile a 60 miliardi"

Phlippe Donnet, ceo del gruppo Generali

Phlippe Donnet, ceo del gruppo Generali

Per il ceo di Generali, Philippe Donnet è ancora "presto per vedere le conseguenze delle affermazioni" fatte ieri dalla governatrice della Bce, Christine Lagarde. "Noi ci siamo preparati già da un po' di tempo a un mondo con tassi di interesse bassi, il nostro portafoglio di Btp è stabile intorno ai 60 miliardi di euro. Non abbiamo preoccupazioni particolari sullo spread italiano". Il differenziale tra buoni del tesoro italiani e Bund tedeschi, tre ore fa, segnava 236 punti base. 

Il numero uno del gruppo finanziario lo ha detto in conference call, come riporta Adnkronos, rispondendo alle domande dei giornalisti. Il cfo, Cristiano Borean (in foto), conferma che a fine anno il portafoglio di Btp è di 62,7 miliardi di euro a valore di mercato: "Nei primi mesi dell'anno il valore di libro è un po' sceso, per un deprezzamento a seguito dell'apertura dello spread, ma non c'è un cambiamento se non di qualche centinaio di milioni". L'ammontare di Btp, anche in futuro, resterà stabile. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400

I più letti

Articolo successivo