Quantcast

Mercati

I Redditer vanno all’assalto di DogeCoin

Boom di acquisti della criptovaluta, che cresce del 300% in appena 24 ore, da parte dei trader di Reddit. Secondo Bernardi (Diaman Partners), nel mondo cripto, privo di regolamentazione, il fenomeno Pump&Dump è diffuso ed è molto pericoloso

BNY Mellon Im lancia un fondo sulla blockchain aziendale

Mentre il plotone di trader riuniti nella community r/wallstreetbets di Reddit annunciava una class action contro la piattaforma Robinhood per manipolazione del mercato in seguito allo stop agli acquisti e scambio di azioni GameStop di giovedì scorso, all'angolo a Time Square compariva per un’ora un enorme annuncio pubblicitario con la critta "$GME GO BRRR" (dove "Gme" è il ticker di GameStop e “Brrr” indica il suono di una macchina che stampa denaro) per celebrare il rally dei prezzi della catena texana di negozi di videogame, ed esortare la truppa a tenere la linea.

I trader infatti non si fermano. E la scorsa settimana hanno puntato il faro anche su una criptovaluta tra le meno note come DogeCoin, con la pazza idea di portarla a quota un dollaro. DogeCoin - fondata nel 2013 da Billy Markus e Jackson Palmer, former director of product management di Adobe Acrobat - ha così registrato una crescita del 300% in appena 24 ore, passando da 0,0077 dollari del 28 gennaio a un picco di 0,0775 dollari nella mattinata di venerdì 29: un boom di capitalizzazione (7,17 miliardi di dollari) che ha fatto del misconosciuto DogeCoin la nona criptovaluta nella classifica delle più importanti monete digitali. Il pifferaio magico è ancora lui, Elon Musk, il fondatore di Tesla, che ha postato su Twitter l’immagine di copertina di un magazine che fa il verso a Vogue, definendolo «Dogue». I topolini sono i piccoli trader (ma non solo) ben decisi a condizionare i mercati individuando temi che sono di volta in volta da decifrare.

Ma quali sono le caratteristiche di questa critpovaluta che possono renderla così attraente e appetibile? Come spiega Daniele Bernardi, Ceo della società di fintech Diaman Partners, il principale scopo per cui è stata creata DogeCoin era di dare delle mance (tips) alle persone per i contenuti social ritenuti di valore. DogeCoin nel linguaggio cripto rientra enlla categoria delle Altcoin, ovvero prodotti fintech molto diversi dal Bitcoin, con una blockchain opensource derivante da quella di Litecoin. “Una Altcoin ha senso se fa qualcosa che Bitcoin non è in grado di fare – spiega Bernardi – E in questo caso non mi sembra proprio che abbia una unicità di utilizzo che ne identifichi una ragione di esistere”. “In altre parole - continua Bernardi - DogeCoin è un progetto come tanti nella blockchain, che non ha un vero valore aggiunto per chi lo possiede. E quindi ne sconsiglio l’acquisto, soprattutto dopo che ha fatto un "pump" così elevato". Il "pump&dump" è abbastanza diffuso sia nel mondo equity che nel mondo crypto, e indica un gruppo di persone (in questo caso riunitesi nella piattaforma Reddit) che si mette d’accordo per pompare un asset. “Hanno inondato il DogeCoin di ordini di acquisto, poi lentamente (anche non troppo) gli stessi si sfilano, lasciando con un palmo di naso chi ha visto che Dogecoin cresceva e lo ha acquistato sperando di guadagnare”, è il commento di Bernardi. Che conclude: “Sono fenomeni per nulla etici, vietati e puniti penalmente. Ma nel mondo delle criptovalute, non essendoci regolamentazione, vengono sfruttati per guadagnare in fretta, spesso alle spalle degli altri”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400

I più letti

Articolo successivo